Alcune persone preferiscono l’acqua frizzante, altre odiano le bollicine e bevono solo acqua naturale e infine c’è chi apprezza entrambe e sceglie una delle due a seconda delle proprie esigenze. Bere acqua è vitale per l’uomo: frizzante o naturale che sia è pur sempre un nutriente prezioso, una fonte di minerali essenziali, il cui apporto deve arrivare ad almeno 1,5-2 litri al giorno per un adulto che pesi intorno ai 70-75 Kg. Si possono però evidenziare alcune differenze tra l’acqua frizzante e quella naturale: dal sapore fino ad arrivare ad alcuni effetti sulla funzione digestiva o la capacità di dissetare, i due tipi di acqua presentano delle differenze. Scopriamole insieme e vediamo anche se è meglio bere acqua frizzante o naturale!

Da acqua minerale naturale a frizzante: una questione di CO2

L’acqua minerale frizzante è acqua minerale naturale addizionata di anidride carbonica o diossido di carbonio. L’aggiunta di diossido di carbonio favorisce la formazione delle bollicine e l’effetto frizzante che caratterizza questo tipo di acqua, apprezzata da molte persone perché più gustosa e dissetante della semplice acqua minerale naturale. In generale, tutte le acque minerali in commercio vengono rese frizzanti attraverso un processo di carbonazione che permette l’aggiunta di diossido di carbonio o anidride carbonica. Esistono anche acque minerali che nascono “naturalmente frizzanti”. Sono denominate però acque effervescenti naturali, proprio per distinguerle da quelle rese frizzanti in modo artificiale. Le acque effervescenti si distinguono non solo per la presenza di gas effervescenti naturali ma anche per l’elevata concentrazione di minerali, in particolare Magnesio, Potassio e Sodio. Le acque effervescenti infatti sono apprezzate come fonti preziose di questi minerali. Per legge, l’acqua minerale per essere definita effervescente naturale non deve presentare un tenore di anidride carbonica libera superiore a 250 mg/L e tale valore deve essere uguale a quello evidenziato nella sua sorgente. Infine, è possibile rendere frizzante anche l’acqua del rubinetto con metodi domestici. Dalle bustine contenenti bicarbonato di sodio e acidi, la famosa frizzina o l’idrolitina, per arrivare ai più moderni gasatori collegati al rubinetto o al frigo (i frigogasatori), è possibile bere anche acqua del rubinetto frizzante. Ma cosa rende l’acqua minerale frizzante diversa da quella naturale? Perché alcune persone la preferiscono? 

Acqua frizzante e naturale a confronto!

L’acqua minerale frizzante si distingue da quella naturale per l’aggiunta di anidride carbonica ma a livello nutrizionale la composizione rimane la stessa. Come l’acqua minerale naturale anche quella frizzante può essere classificata in base al contenuto di sali o al residuo fisso in:
  • Minimamente mineralizzata o povera di sali: < 50 mg/l
  • Oligominerale o leggermente mineralizzata: < 500 mg/l;
  • Mediamente mineralizzata: tra 500 e 1000 mg/l.
  • Ricca di sali: > 1500 mg/l
Come l’acqua minerale naturale anche quella frizzante è priva di calorie, favorisce l’idratazione e presenta un egual potere dissetante. A proposito della capacità di dissetare, molte persone apprezzano l’acqua frizzante perché disseta di più. Si tratta di una sensazione: l’anidride carbonica stimola i recettori del gusto anestetizzandoli e donando così una piacevole freschezza, percezioni che però sono temporanee. Nella realtà entrambi i tipi di acqua presentano il medesimo potere dissetante. L’acqua frizzante però rispetto a quella naturale sembra migliorare la digestione. L’anidride carbonica infatti dilata le pareti dello stomaco favorendo la produzione di succhi gastrici, facilitando così la digestione e anche la peristalsi intestinale. Per quanto riguarda il pH dell’acqua frizzante, l’aggiunta di anidride carbonica sembrerebbe renderla leggermente acida, un aspetto che in passato avrebbe associato il suo utilizzo ad un aumentato rischio di osteoporosi. Tali evidenze però sembrano essere state smentite da studi più recenti. Infine, un pregio che però nasconde anche un difetto, l’acqua frizzante è più gustosa rispetto a quella naturale proprio perché le molecole di diossido di carbonio stimolano i recettori del gusto e, l’utilizzo continuo fin da piccoli, può abituare a tale sapore e rendere difficile passare a quella naturale.

Meglio bere acqua frizzante o naturale?

Sebbene favorisca la digestione, gli effetti benefici dell’acqua frizzante si ottengono quando viene assunta in piccole quantità. Bere troppa acqua frizzante infatti può dilatare troppo le pareti del tubo gastro-digerente favorendo eruttazioni e gonfiore addominale. Nei soggetti con problemi gastrici e intestinali, poi, l’utilizzo di acqua frizzante potrebbe alterare le normali funzioni dello sfintere esofageo e intensificare i problemi gastrici e intestinali. Nonostante le caratteristiche che sembrano rendere l’acqua frizzante apprezzabile per molti aspetti, quella naturale rimane sempre la preferita perché si tende anche a berne molta di più, dato che non gonfia e non riempie. L’acqua minerale naturale infatti è considerata la miglior bevanda quotidiana per tutti, dai bambini agli anziani: 
  • disseta
  • idrata
  • integra adeguate fonti di minerali
  • è caratterizzata da un pH adeguato alle esigenze del nostro organismo
  • ma soprattutto rispetto a quella frizzante è più diuretica
In linea generale, l’acqua minerale naturale sarebbe sempre da preferirsi a quella frizzante che, però, in piccole quantità rappresenta un toccasana per la digestione. Infatti, l’ideale sarebbe bere entrambi i tipi di acqua favorendo l’assunzione di quella naturale e limitando quella frizzante ai pasti, ad esempio, proprio per facilitare la digestione. Il problema dell’acqua frizzante è proprio il gusto che può creare dipendenza e rendere difficile anche ai bambini bere più acqua naturale. Un’abitudine che però bisogna insegnare ai più piccoli e che gli adulti più reticenti all’acqua naturale devono sforzarsi di inserire nel quotidiano. In una giornata infatti è più facile bere maggiori quantità di acqua naturale che frizzante proprio perché non riempie. A questo proposito, ricordiamo che bere tanta acqua aiuta il fisico e anche la mente: dall’idratazione alla concentrazione, l’acqua è essenziale per migliorare le nostre performance!

Acqua naturale o frizzante e dieta: quale bere?

Bere è essenziale sempre e lo diventa ancor più nelle persone che seguono regimi dietetici controllati o diete dimagranti. Nello specifico, bere acqua favorisce:
  • la sensazione di sazietà
  • il drenaggio dei liquidi corporei
  • la depurazione organica con l’eliminazione dei metaboliti di scarto. 
Ma è meglio bere acqua frizzante o naturale quando si segue una dieta?

Vantaggi dell’acqua frizzante: pieni più in fretta!

L'acqua frizzante può facilitare la dieta perché bevendola ci si sente "pieni" più in fretta. La sensazione di pienezza è infatti favorita dall’anidride carbonica che si rigonfia dilatando le pareti dello stomaco ma c’è anche l’altra faccia della medaglia. Bevendo acqua frizzante si tende a bere meno proprio perché ci si riempie più facilmente. Quindi, si può sfruttare tale sensazione di pienezza bevendo acqua frizzante prima dei pasti ma senza esagerare: il rischio è ridurre la diuresi.

Vantaggi dell’acqua naturale: effetto diuretico assicurato!

L’acqua naturale è caratterizzata da un effetto diuretico maggiore rispetto a quella frizzante, anche perché non favorendo subito la sensazione di pienezza, si tende a berne molta di più. Si è poi evidenziato che bere tanta acqua facilita la perdita di peso favorendo non solo la diuresi ma anche l’aumento della massa magra rispetto a quella grassa e aiuta a minimizzare un fastidioso inestetismo, la cellulite. Un effetto che è difficile da ottenere con l’acqua frizzante.  Abbiamo visto visto insieme caratteristiche comuni e distintive tra acqua frizzante e naturale, imparando che bere entrambe è un bene se si come fare! Sebbene le bollicine sembrino più dissetanti, sazino più velocemente e siano più saporite, è consigliato limitarle ai pasti per sostenere la digestione e preferire sempre l’acqua naturale che, oltre a favorire una migliore diuresi, permette di bere di più a sostegno del nostro benessere fisico e mentale!