Per poter usufruire del servizio di fornitura di acqua potabile è necessario attivare una  pratica per la richiesta dell’allacciamento idrico al gestore del servizio idrico integrato del comune di appartenenza.. Per i Comuni del territorio della Città metropolitana di Milano il gestore è Gruppo CAP. La procedura cambia se si deve attivare una nuova utenza o ristabilire  una sospesa. Gruppo CAP gestisce anche l’attivazione della fornitura di acqua non potabile utilizzata negli impianti industriali o per l’allaccio di acqua destinata a terreno agricolo o per le prese antincendio.

Vediamo quindi in sintesi i passaggi richiesti per l’attivazione della fornitura di acqua, le tempistiche e gli eventuali costi di allaccio dell’acqua.

 

Allaccio acqua: richiesta per nuova attivazione, subentro, voltura

Gli allacci idrici vanno richiesti compilando gli appositi moduli disponibili online da presentare al proprio gestore per attivare la procedura e organizzare eventuali sopralluoghi quando necessari. I moduli variano a seconda che si tratti di una nuova utenza, di un subentro a un allaccio già attivo o di una richiesta di voltura finalizzata alla variazione della titolarità del contratto riferito a un punto di consegna già servito. I moduli da compilare sono comunque gli stessi che si tratti di un’utenza privata o aziendale. Infatti, sono predisposti per specificare se si sta richiedendo una fornitura per uso privato o aziendale. 

Nello specifico, per la compilazione di tutti i tipi di moduli vengono richiesti questi dati:

  • Nominativo del Richiedente e/o i Dati fiscali se si tratta di un’attivazione aziendale o professionale
  • Indirizzo e comune del punto di fornitura 
  • Tipologia di utilizzo e se diverso da domestico specificare se industriale, agricolo e zootecnico, artigianale e commerciale, pubblico, cantiere, antincendio (allegare dichiarazione del progettista) o altro.  
  • I dati catastali del fabbricato
  • Proprietà (indicando gli estremi dell’atto di proprietà nel riquadro della dichiarazione sostitutiva di atto notorio) ed eventualmente bisogna specificare se si è affittuario, usufruttuario, amministratore di condominio, rappresentante legale o altro
  • Copia di un documento di identità in corso di validità (carta d’identità, passaporto, patente)

A seconda poi del tipo di richiesta variano alcuni dati specifici:

  • Nuova utenza: allegare autorizzazioni o dichiarazioni edilizie, ad esempio il numero del permesso di costruire, la D.I.A., la S.C.I.A., se la presa è già esistente, ecc.
  • Subentro: si richiede nello specifico il numero di matricola e l’ubicazione del contatore
  • Voltura: si richiede il codice cliente dell’intestatario cessante e il numero di matricola e la lettura del contatore (anche autolettura).

Il richiedente dell’allaccio dell’acqua può inoltrare i documenti via email, fax o presso lo Sportello centrale di Milano del Gruppo CAP situato in via Rimini 36 dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 16.30 e il sabato dalle 8.30 alle 12.30. 

 

Costo dell’allaccio acqua e tempistiche: contatta il tuo consulente!

È chiaro che l’allaccio d’acqua di una nuova fornitura richiede costi e tempistiche molto maggiori rispetto a un subentro e a una voltura. Queste ultime infatti sono spesso delle semplici pratiche burocratiche che non richiedono interventi sul campo, salvo l’eventuale sostituzione di un vecchio contatore. Nello specifico per il subentro e la voltura sono previsti i seguenti costi fissi:

 

  • marca da bollo;
  • diritti fissi;
  • deposito cauzionale;

 

In entrambi i casi le tempistiche prevedono almeno 15 giorni lavorativi necessari per avviare e concludere la pratica. Un eventuale sopralluogo per la sostituzione dei contatori o la verifica dello stato del punto di fornitura ha un costo che si aggira intorno ai 200 € a seconda del tipo di intervento.

 

L’allaccio dell’acqua di una nuova utenza richiede invece almeno 15 giorni per organizzare un incontro preliminare e i lavori. I costi di allaccio dell’acqua poi variano a seconda dello stato del punto di attivazione. Nello specifico costi e tempi di attivazione di una nuova utenza cambiano se il punto di fornitura è già predisposto per l’allacciamento all’acquedotto o se invece sono necessari lavori edili di posa dei tubi con eventuali lavori edili di scavo con rottura di marciapiedi e/o suolo pubblico. Si può richiedere un sopralluogo preliminare per accertare lo stato del nuovo punto di fornitura. Un nuovo allaccio dell’acqua infatti può superare anche i 2000 € a seconda delle condizioni del punto di fornitura

Per tutti i richiedenti è comunque disponibile il prezziario, un documento di utile lettura per farsi un’idea sui costi di allaccio dell’acqua così come su quelli legati al cambiamento del contatore in caso di subentro o voltura. Da soli però è difficile calcolare i costi, infatti il Gruppo CAP offre la possibilità di prenotare un appuntamento con il proprio consulente personale compilando il modulo online dedicato o chiamando il Numero Verde 800 428 428. Il compito del consulente personale è quello di aiutare il nuovo cliente nella procedura di allaccio acqua, illustrando sia le tempistiche necessarie che il preventivo dei costi richiesti per attivare la fornitura. Inoltre, in caso di nuova fornitura, subentro o voltura di utenze private o aziendali/professionali, il consulente personale può presentare le varie possibilità di contratto per la fornitura di acqua potabile e predisporne uno ad hoc per le proprie esigenze. Il consulente personale rappresenta quindi un servizio che il Gruppo CAP offre a tutti i nuovi clienti per comprendere al meglio sia i costi della bolletta d’acqua che gli impegni tra utente e gestore.

 

Casi particolari: richiesta di allaccio di fornitura provvisoria e di acqua non potabile

Tra le varie possibilità di contatto, sono previste anche quella per la fornitura provvisoria di acqua potabile per l’utilizzo in caso di fiere, sagre, mostre e altre attività temporanee e per l’allaccio all’acqua non potabile, ad esempio per un terreno agricolo.

  • Fornitura temporanea

La richiesta per utilizzi temporanei di acqua potabile in occasioni di varie manifestazioni deve essere trasmessa sottoscrivendo in anticipo il Contratto Fornitura provvisoria acqua potabile e con il pagamento anticipato della cauzione pari a 250 €. Al ricevimento del pagamento verrà consegnata dal servizio tecnico CAP una colonnetta mobile con contatore (c.d. collo di cigno) che verrà utilizzata per il periodo richiesto, al termine del quale lo stesso servizio tecnico CAP ritornerà in loco per il ritiro della colonnetta mobile con contatore rilevando i consumi effettuati. Verrà quindi emessa una fattura nei quali saranno compresi il costo della consegna (60 €) e il costo della restituzione (60 €) nonché le quote per spese generali, la marca da bollo e il corrispettivo dei metri cubi consumati. La cauzione sarà rimborsata con bonifico dopo la riconsegna della colonnetta mobile con contatore (previa verifica eventuali danneggiamenti) e il pagamento della fattura.

  • Contratto di fornitura di acqua non potabile

Tale contratto è previsto per l’approvvigionamento di acqua non potabile ad esempio per l’allaccio acqua di un terreno agricolo. Il richiedente dovrà sempre specificare:

 

  • Nominativo e/o i Dati fiscali se si tratta di un’attivazione aziendale o professionale
  • Indirizzo e comune del punto di fornitura
  • I dati catastali
  • Se proprietario oppure affittuario, usufruttuario, rappresentante legale o altro
  • Copia di un documento di identità in corso di validità (carta d’identità, passaporto, patente)
  • Tipologia di fabbricati: fabbricati, immobile/area non accatastato, immobile/area non accatastabile o terreni agricoli.

 

Per altri utilizzi di acqua potabile o non potabile di può consultare la pagina dedicata ai vari tipi di contratto.

 

Abbiamo visto in generale sia la procedura per la richiesta di allaccio dell’acqua, di subentro o di voltura per l’utilizzo domestico o aziendale/professionale che quella prevista per la richiesta di fornitura temporanea di acqua potabile che di acqua non potabile per un terreno agricolo. Si è trattato di utili informazioni per prendere familiarità con moduli, tempistiche e costi. Ogni cliente però ha le sue esigenze che possono essere soddisfatte sia con un preventivo personalizzato dell’allaccio acqua che con il giusto contratto di fornitura dell’acqua. Quindi per ogni informazione consigliamo di rivolgersi:

chiedere un appuntamento con il proprio consulente personale compilando il modulo online dedicato o chiamando il Numero Verde 800 428 428

Articoli correlati